chiaranonmente

quello che sfugge agli occhi ma merita di lasciare una traccia

NIENTE É COME SEMBRA

Questa Tramontana che soffia incessantemente da ieri sera, mi ha messo una perla tra le dita, mi ha anestetizzato il cuore perché dalla sua spaccatura indolenzita, potessi tirare fuori qualche parola, senza farmi troppo male.

Niente è come sembra.

Pensavo che saper scrivere bastasse.

Per poter guadagnare il pane con le tue parole, devi farle prostituire per pochi spiccioli.

Ad ognuna una monetina, ad alcune, giudicate indegne, accessorie, insignificanti, neanche quella.

Ho smesso di studiare Fisica perché l’amavo, perché avevo capito che non avrei potuto dedicarle la vita.

Non posso smettere,allo stesso modo, di scrivere, perché sarebbe come comandare al cuore di fermarsi, ma non svenderò le mie parole.

Niente è come sembra.

Un lavoro ben pagato, promesse di un impiego anche per me, una casa bellissima.

E invece, domani, lui partirà per un posto lontano, a vendere il suo saper fare, se vorrà guadagnare il pane per la nostra famiglia, le promesse nei miei riguardi sono andate a farsi fottere, la casa bellissima ha il cesso rotto e il frigo che non raffredda.

Niente è come sembra.

Credevo di essere una buona madre, volevo avvicinarmi alla perfezione, e, tutta impegnata a fare questo, stavo soffocando mio figlio, impedendogli di crescere.

Evitandogli il dolore, dissipandogli la noia, affogandolo d’amore, pensavo di fare bene.

E ora devo ritirare piano piano, il garbuglio dei miei rovi, perché il suo arbusto possa svilupparsi.

Niente è come sembra.

Una donna davanti ad un pc,alle dieci del mattino, con una tazza di thè vuota di fianco.

Disoccupata.

Madre sbagliata.

Che passerà una domenica (e un lunedì,martedì e mercoledì) sola con suo figlio e il marito all’estero a lavorare.

Schermata dal mondo da un velo di ombretto.

No, non è una donna finita, ma una che ha appena iniziato a combattere.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “NIENTE É COME SEMBRA

  1. forza, non sei sola. anch’io sto districando la matassa ma per quanto si sbagli (che è umanissimo) c’è sempre la seconda scelta. Si recupera in barba a tutto e tutti. Verranno tempi migliori per te e chi ami. Promesso. Un abbraccio Nicoletta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: