chiaranonmente

quello che sfugge agli occhi ma merita di lasciare una traccia

Archivi per il mese di “settembre, 2014”

ALTRO DA ME

Ci ho messo quasi trentatré anni per vedere spuntare in me questa mutazione.

Incontravo qualcuno e quel qualcuno diventava me, il suo sentire il mio, i suoi problemi da risolvere, i miei, in una specie di empatia estrema. Giornate passate lontano da me, nelle vite immaginate degli altri.

Poi la mutazione, a suon di botte ricevute, a forza di vedere che loro non si comportavano affatto come avrei fatto io al loro posto, che la bassezza esiste e qualcuno ne fa ampio uso, che esistono punti di vista completamente diversi e vite giocate su altri piani, che fosse legittimo disinteressarsene e affrontare con coraggio la persona da cui stavo scappando : me stessa.

Sto leggendo “La deriva dei continenti” di Russel Banks, ad un certo punto dice che :”Quando cerchi di conquistare l’amore di qualcuno che ti somiglia per sesso, carattere, cultura o tipo fisico, lo fai perché ami proprio quegli aspetti di te, ma quando cerchi l’amore di qualcuno diverso da te, è di te stesso che vuoi liberarti”.

In quei due verbi “conquistare” e “cercare” c’è la chiave.

La conquista è un processo lungo e pieno di ostacoli, attraverso l’altro devi fare i conti anche con quello che detesti di te, ma alla fine avrai padronanza completa del tuo essere.

In quel “cercare”, c’è il bisogno spasmodico di una verità già pronta, di un buco nero in cui gettarsi per autodistruggersi, poco importa se con la speranza di rinascere poi.

In un’altra vita, il mio desiderio era proprio quello : autodistruggermi.

Oggi ho accettato la sfida. Voglio fronteggiarmi e conquistarmi ,senza paura di mettere la giusta distanza tra me e chi non mi assomiglia.

 

 

Annunci

Navigazione articolo